Massaia Salentina: Rappresentazione artigianale femminile nel cuore di lecce

Nel cuore pulsante del Borgo Antico leccese, fra gli edifici nella tradizionale pietra bianca su cui riverbera la luce del sole, vi è un piccolo laboratorio artigianale in cui Maria Gabriella Epifani produce splendidi esemplari di donnine.

Le sue donne in terracotta sono riproduzioni di massaie, o in salentino massare, le casalinghe di un tempo che trascorrevano le giornate a prendersi cura di sé, della casa, della propria famiglia e dei campi da coltivare.

Dalle forme sinuose e morbide, esse rievocano immagini di maternità, il ventre pronto ad accogliere una nuova vita e le grandi braccia capaci di regalare caldi abbracci.

Le massaie della Signora Epifani hanno un’espressione attonita e quasi ingenua, che cattura immediatamente lo sguardo dell’acquirente, e grandi gonnelloni variopinti che suscitano evocative suggestioni, riportando la mente ai campi salentini, alle spiagge pugliesi dall’acqua candida e dalla sabbia incandescente e al sole cocente dell’estate leccese.

L’artigiana Epifani all’opera

Chi fa da sé fa per tre: come nascono le massaie e la passione dell’artigiana Maria Gabriella Epifani

-Buon giorno, Signora Epifani, può raccontarci com’è nata e si è evoluta la sua passione e perché ha voluto realizzare proprio statuine con questo volto?

Massaie con sembianze di Adamo ed Eva

Buongiorno!

Le massaie, in realtà, dovevano essere le bomboniere per la Prima Comunione di mia figlia. Le realizzai io stessa e in seguito mi recai ad Otranto e diedi alcuni esemplari di queste donne a un negozietto. Il negozio le vendette subito e in quel momento capii che queste massaie potevano piacere.

Probabilmente ciò è dovuto alle forme abbondanti che dono alle donne che plasmo, un professore universitario, sociologo, mi disse che il successo era evidentemente collegato all’abbondanza delle mie massaie che rievocavano immagini di maternità, il nostro passato, la nostra infanzia, un luogo sicuro insomma.

Il mio laboratorio esiste da trent’anni, ma prima facevo altro, producevo decorazioni in cartapesta per altri commercianti, i soliti oggetti locali.

La mia passione è grande, mi piace sperimentare con i colori. La prima massaia, infatti, era vestita in maniera più sobria, con colori meno sgargianti. Ciò accadeva perché nei miei ricordi di bambina le massaie non utilizzavano il giallo canarino o l’azzurro; gli abiti tipici della donna salentina erano più scuri, ma sperimentando con i colori ho deciso di adottare nuove tonalità, ecco, la mia passione e il mio lavoro si sono evoluti così.

Ho successo e n’è indice il fatto che spesso mi copiano, ma tutti mi dicono che, nonostante questo, le mie massaie sono riconoscibili, sono uniche nel loro genere e si tengono in casa con piacere.

Le mie sono bomboniere particolari e locali, che possono tramandarsi e che sicuramente sono un bel pezzo di arredamento di artigianato locale.
Va detto anche che creo delle collezioni invernali e estive che si distinguono principalmente attraverso i loro colori e creo anche delle edizioni speciali, sempre differenti.

Massaie

Dal caso al successo, le massaie diventano un oggetto “tradizionale”

-Qual è il legame che questi oggetti relativamente “nuovi” hanno intessuto con il territorio e come si inseriscono nella tradizione?

Il risultato del mio lavoro è diventato un pezzo di tradizione popolare, non è un oggetto tipico salentino, ma il turista lo richiede e lo ritiene tale.

La Massaia Salentina piace e attira e ne sono orgogliosa, ma non è parte dell’antica tradizione. Il mio laboratorio esiste da trent’anni e realizzo questi oggetti di design.

Ma, va detto che il design è nato nel ‘900, prima qui difficilmente si abbelliva casa con qualcosa senza fine pratico, oggi invece l’oggetto di design è in ogni casa.

Le mie massaie, inoltre, nascono sul calco del ricordo che io ho delle mie zie, dei loro abiti, dei loro dialoghi.
Questi oggettini si distinguono dalla tipica calamita che il turista in visita a Lecce può trovare ovunque e, oggi, anche sotto casa sua dall’altra parte dell’Italia.

Bomboniere per matrimonio.

Un tocco di colore per un prodotto unico nel suo genere

-Perché il cliente dovrebbe scegliere di acquistare la Massaia Salentina?

Il cliente dovrebbe comprare le mie massaie anzitutto perché sono realizzate in maniera assolutamente naturale e nel pieno rispetto delle antiche tradizioni.
Inoltre, le massaie sono oggettini con un costo che non supera i venti euro, quindi sono anche economiche; a ciò aggiungerei il fatto che sono un ottimo modo di donare colore alla casa, grazie ai gonnelloni colorati, ricordo che la prima non era così.
Le massaie sono oggetti che innestano subito simpatia e il cliente le compra di pancia, ne rimane affascinato e lo riportano all’infanzia.
Le mie creazioni sono peraltro delle ottime bomboniere da regalare senza incorrere nel pericolo che vengano buttate o accatastate nei mobili e magari possono essere tramandate dai genitori ai propri figli. Mia madre, ad esempio, era un’insegnate e ogni anno aveva in dono moltissime bomboniere da parte dei suoi alunni che ricevevano i sacramenti.Ebbene, io di quelle centinaia di bomboniere ne ho conservate tre o quattro che si distinguevano dalle altre.
La Massaia Salentina, invece, può diventare un oggetto di arredamento interessante. Infatti, queste massaie si distinguono grazie a una caratterizzazione precisa: hanno tutte le bocche aperte per essere in dialogo fra loro e le braccia sui fianchi, tipiche di chi si sta rilassando per un istante dopo il lungo e stancante lavoro quotidiano.
Comprare una massaia delle mie mentre si è in visita a Lecce è un buon modo di ricordarsi di un preciso istante, di una bella vacanza e anche della propria infanzia.

Statuetta policroma

Piccoli gioielli di cui avere cura

-Infine le chiedo di svelarci le modalità giuste per conservare al meglio questi particolari oggetti

Le mie statuine sono in terracotta, un materiale lavabile così come le pitture con cui sono decorate. Attenzione però a non lavarle in lavastoviglie, questo non è il metodo più indicato.
Certo, bisogna averne cura, ma non è nulla di problematico.
Non tutti sanno che le massaie sono ottimi scalda-uova, tipica proprietà della terracotta. Qualora non si volessero usare in questo modo, rimangono comunque degli oggetti che impreziosiscono e conferiscono grazia alla casa.

Una delle creazioni. Di notevole pregio i particolari.

Ringraziamo la Signora Maria Gabriella Epifani, artigiana e titolare.
Tutte le immagini inserite in questo articolo sono di proprietà di Massaia Salentina
Contatti
Telefono: 340 352 9150
Sito: www.lamassaiasalentina.it
Dove: VIA ANTONIO GALATEO 1, 73100 LECCE (LE)

Tag:, , , , ,

Post correlati

by
Post Precedente Post Successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *