Quando l’arte comunica: i mini mosaici di Giuseppe Di Liberto

Ama iniziare la giornata cantando musica leggera. Lo fa prima di aprire il suo laboratorio e immergersi nel mondo dell’arte. Lui si chiama Giuseppe Di Liberto ed è un mosaicista di Monreale, o meglio: ama dire che si occupa di arte moderna, realizzando appunto dei mini mosaici.

Monreale è una splendida cittadina appena fuori Palermo, che domina dall’alto la Conca d’oro e la valle dell’Oreto. Con i suoi caratteristici vicoli che si insinuano sino allo splendido duomo, capolavoro del periodo normanno. Qui a Monreale c’è il laboratorio di Giuseppe che si chiama “Camurrina”, che tradotto dal siciliano significa fatto con la marrina.

Giuseppe può spiegarci che genere di mosaici realizza?

È un genere di mosaico moderno, dove sullo stesso piano di lavoro vengono messi: il marmo, lo smalto e la marrina, facendo comunicare la pittura, la ceramica e il mosaico insieme. Le opere che realizzo sono di tutti i tipi e grandezze, persino mini mosaici.

Per lavorare Giuseppe usa la tecnica bizantina sia per il marmo che per lo smalto e la marrina, che sono poi i tre materiali delle uniche tre scuole del mosaico che ci sono in Italia. Una si trova appunto a Monreale (in Sicilia) e le altre due a Ravenna e in Friuli Venezia Giulia. In particolare a Monreale si lavora il marmo. Giuseppe, 31 anni,  ha aperto il suo laboratorio cinque anni fa, subito dopo il diploma all’Accademia di Belle Arti.

            

 

Da dove parte il suo lavoro? Come si realizza un mini mosaico?

Tutto nasce da una tavoletta di legno, dipinta con la tecnica Street art (come per i graffiti), poi si seziona la marrina e viene collocata con vinavil e stucco, simulando la tecnica bizantina.

Come è nata questa idea di mescolare l’arte contemporanea col mosaico bizantino?

Le emozioni sono come i mosaici: piccoli pezzi per costruire la vita, la personalità, i progetti. Da qui ho deciso di sposare l’arte e di specializzarmi. Poi ho deciso di mixare l’arte contemporanea con il mosaico bizantino ed è nato così Camurrina, il mosaico moderno.

Dove si trova di preciso il suo laboratorio?

Il mio laboratorio si trova in via Torres e le mie opere si trovano esposte per strada, insomma amo lavorare tra la gente, che si ferma ad ammirare mentre lavoro. La gente si appassiona.

Qual è il cliente tipo?

Il cliente varia dal turista alla gente del posto e non solo: anche otto punti vendita acquistano le mie opere. Uno, ad esempio, è il negozio interno alla Cattedrale di Monreale.

Si potrebbe concludere dicendo che Giuseppe ama comunicare, motivo che lo ha portato a farlo non solo grazie alla sua arte ma anche studiando ben cinque lingue. Sin da piccolo osservava la gente, stava ad ascoltare come comunicavano tra loro. In particolare l’atteggiamento di quando si è da soli oppure in compagnia. Questo aspetto lo ha incuriosito al punto che ha deciso di comunicare con la sua arte.

Ringraziamo Giuseppe Di Liberto per aver risposto alle nostre domande.

Tutte le immagini sono di proprietà di Giuseppe Di Liberto.

Qui potrete ammirare i suoi lavori: https://www.youtube.com/channel/UCzn1-EQ_v__7_zQJ5kKwyLg

 

Tag:,

Post correlati

by
Post Precedente Post Successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!