Turismo Italia 2019, alla scoperta dei luoghi poco conosciuti ma ricchi di fascino

turismo italia 2019

Da che mondo e mondo, quando si pensa al turismo in Italia vengono subito alla mente immagini che riportano a un glorioso passato fatto di resti di antiche civiltà, opere d’arte di immenso valore e un patrimonio culturale inestimabile. L’Italia però non è solo questo, e le nuove tendenze turistiche confermano quanto detto. Questo inizio di 2019 conferma questo cambiamento, che vede una crescita esponenziale di interesse verso posti meno conosciuti.

Come cambia il turismo in Italia

Quelli che vengono considerati gli “addetti ai lavori” in ambito turistico, lavorano alacremente per fornire una definizione sul comportamento dei turisti che vengono a visitare l’Italia. Se il 2018 è stato un anno dedicato al cibo, con un gran numero di curiosi pronti a dirigersi nei luoghi in cui le tradizioni culinarie la fanno da padrone, il 2019 segue il trend differenziandosi allo stesso tempo.

Approfondimento: la grande crescita del turismo enogastronomico.

Difficile dire da cosa possano dipendere queste modifiche di comportamento dei turisti. Quello che possiamo fare, però, è registrare quelle che sono le nuove tendenze. In questo 2019 appena iniziato c’è un nuovo tipo di esperienza turistica a porsi come nuova realtà: il cosiddetto turismo lento.

La tendenza turistica del 2019

Ma cosa significa quando diciamo che questo 2019 sarà l’anno del “turismo lento”? Significa che in molti hanno (finalmente) capito che l’Italia non è solo fascino antico di glorie passate, ma che vi è anche un patrimonio naturale di sublime bellezza e che merita grande attenzione e dei tempi più lunghi per essere apprezzato. La tendenza turistica del 2019 vede dunque la visita di luoghi apparentemente “sconosciuti”, come antichi borghi e zone in cui è la Natura a dominare il panorama.

Questi paesaggi dominati dal verde raccontano anch’essi una storia che, a cavallo dei secoli, sottolinea la reale identità del nostro Paese. I turisti che optano per questo tipo di vacanza, decidono di allontanarsi dai ritmi forsennati tipici di coloro che visitano le città. Ecco perché si dice appunto turismo lento: ritmi blandi, tempi rilassati, un’attenzione particolare nei confronti di luoghi in cui la mano dell’uomo si percepisce a malapena.

Alla scoperta dei luoghi “dimenticati”

Ma perché tante persone stanno decidendo di impiegare il proprio tempo (e il proprio denaro) per recarsi in zone in cui è la Natura a “dominare”? Come detto, l’idea è quella di visitare l’Italia recuperando il rapporto con il territorio, andando alla scoperta di quei luoghi magari poco pubblicizzati ma che caratterizzano (molto più di altre zone super-pubblicizzate) quello che è il carattere italico.

Pensiamo per esempio agli antichi borghi medievali, quei piccoli centri urbani in cui le tradizioni del passato vivono ancora non come simbolo di un passato che non c’è più ma come realtà fattuale, viva, ancora in auge. È questo l’aspetto che più attrae turisti da tutto il mondo: trovarsi faccia a faccia con tradizioni che ancora resistono nonostante ci si trovi ormai in pieno XXI° secolo.

Il ruolo fondamentale dei piccoli produttori agricoli

In un quadro generale come quello appena descritto, che ruolo possono avere i piccoli produttori agricoli? In che modo, coloro che lavorano nell’ambito dell’agricoltura (distanti dai grandi Brand industriali) possono rappresentare un elemento in più per lo sviluppo del turismo lento in Italia?

Possiamo rispondere a queste domande in modo semplice e diretto. Le piccole aziende “private”, in campo agricolo, rappresentano un vero e proprio tesoro nazionale, non solo dal punto di vista dell’economia (già sappiamo del grande contributo all’economia italiana da parte dell’agricoltura), ma anche per quel che riguarda il turismo.

Le piccole aziende agricole rappresentano dei “minuti universi” a parte, dei mondi che emanano un perfetto miscuglio fra tradizione secolare, genuinità del territorio e innovazione nei metodi di produzione.

Con un numero crescente di turisti in cerca di benessere donato dal candore della Natura, le piccole aziende possono fornire un contributo fondamentale, diventando così simbolo di quell’Italia che deve essere riscoperta, dal profondo Sud agli estremi del Nord.

Come abbiamo avuto modo di appurare con le nostre interviste, ogni regione della Penisola ha le sue tradizioni, i suoi prodotti, le sue specialità, con tante famiglie che lavorano quotidianamente per tenere in vita queste antiche usanze (mescolandole con le innovazioni richieste dai tempi). Ecco come le aziende agricole diventano anche luoghi da visitare, piccole realtà dove possono recarsi turisti in cerca di pace, tranquillità e vogliosi di conoscere l’Italia fin nel profondo.

L’agricoltura come centro nevralgico

In un quadro generale come quello che sta uscendo fuori da questi primi giorni del 2019, e che si conferma come nuova tendenza dell’anno, diventa ancora più impellente la necessità delle aziende di essere conosciute (tramite il web), per poter approfittare di questo tipo di turismo e portare molte più persone all’interno delle proprie sedi.

Essendo ora l’agricoltura un centro nevralgico di questa nuova forma di turismo, che vede un maggiore interesse da parte delle persone verso le bellezze del territorio e il fascino delle tradizioni (tra cui quella agricola), l’essere presenti su internet consentirà di aumentare l’interesse verso i propri prodotti. Il modo migliore per invogliare i turisti a vedere da vicino l’azienda, acquistando prodotti genuini che rappresentano il carattere di una Nazione.

Ecco spiegato il motivo per cui Altragamma può essere di grande aiuto per tutti i piccoli produttori che non vogliono lasciarsi scappare l’opportunità di approfittare di questa nuova tendenza turistica. Essere presenti sul nostro blog aumenta di gran lunga la tua visibilità online, con il racconto della storia dell’azienda che mette in evidenza il lato umano che si cela dietro il duro lavoro quotidiano.

Il nostro progetto è quello di creare una community di addetti ai lavori e di appassionati al mondo dell’agricoltura, permettendo alle aziende ospitate di avere maggiori opportunità di trovare nuovi clienti e di stringere nuove partnership.

Per concludere

Il 2019 è l’anno del turismo fatto con calma, con migliaia di persone che si recano in Italia per ammirare la bellezza del territorio e per scoprire storie e tradizioni di ogni singola regione. La tradizione agricola, portata avanti dai produttori italiani, rappresenta un tassello importantissimo per l’identità nazionale.

La missione di Altragamma è mettere in mostra questi luoghi meno conosciuti attraverso il racconto dei protagonisti che lavorano a stretto contatto con la terra. Riteniamo che questa sia la migliore strada per avvicinare le persone alle comunità locali, piccole realtà che meritano di essere conosciute.

Tag:, ,

Post correlati

by
Post Precedente Post Successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!