Il treno della Sila, un viaggio a ritroso nel tempo

treno della sila

Una sorta di ritorno al passato, uno sguardo romantico rivolto ad altri tempi in cui l’umanità era ancora ben distante dalla grande trasformazione del digitale. Il treno che percorre uno dei tratti più interessanti di quel meraviglioso gioiello che è la Sila rappresenta proprio questo, il ritorno di un tempo che sembra non mollare mai il fascino insito per cedere alle scintille della contemporaneità.

Ecco quindi che in Calabria è possibile salire su questo splendido mezzo rimesso a nuovo, un treno che sembra volerci riportare direttamente all’epoca dei nostri nonni. Un viaggio a ritroso per riscoprire le bellezze di un territorio che non smette mai di lasciarci a bocca aperta.

sila treno a vapore

Il treno della Sila, un tratto di pura meraviglia

Il viaggio che ci si accinge a fare, non appena si sale a bordo del treno, ci fa percepire tutta l’emozione di un qualcosa di profondamente diverso. Un piccolo percorso alla scoperta del fascino che il territorio calabrese è in grado di mostrare.

Si parte dalla piccola stazione di Moccone per arrivare a San Nicola Silvana Mansio, un percorso turistico che tocca i punti più visitati e amati della Sila cosentina.

Tappa centrale è Camigliatello, il paesello che mette in mostra tutto il proprio splendore immerso nel bianco immacolato della neve.

All’interno dei piccoli paesi si può passeggiare a piedi per recarsi nei negozietti tipici e assaporare i sapori di una terra incontaminata. Prodotti semplici ma di eccelsa qualità, un trionfo di sapori della terra che vengono venduti in punti strategici in cui viene convogliato il transito dei turisti.

Si può iniziare già dalla partenza gustando un ottimo “panino silano” da Barrese a Moccone, per poi fare una bella spesa di leccornie a Camigliatello presso il salumificio Falcone.

Un’esperienza che lascia il segno

La locomotiva risuona con il più classico dei suoni cartooneschi, il “ciuff ciuff” capace di mettere di buon umore adulti e bambini. È il segnale dell’inizio del percorso turistico, il breve ma intensissimo viaggio tra le bellezze del territorio che fu caro a Virgilio.

Cosa sembra essere questo piccolo trenino se non una sorta di “Virgilio meccanico” in grado di prendere i suoi passeggeri per mano e accompagnarli verso un ritorno al passato?

sila locomotiva

Tra gli sguardi meravigliati dei fanciulli, alla pari con le espressioni di esaltazione dei più attempati, il piccolo trenino mantiene l’andatura per serpeggiare all’interno di un territorio magico.

La Calabria mette in mostra il meglio di sé stessa, con la neve che rappresenta un manto bianco che richiama alla gioia dell’infanzia.

Nel treno della Sila tutti i viaggiatori sono dei ragazzini, ognuno di esso rapito da un fascino che sembra non percepire nessun segno di cedimento.

Immortalare il paesaggio

L’intero tratto turistico prosegue spedito, inframmezzato da delle brevi fermate nelle piccole stazioncine che sono in grado di dare un qualcosa in più all’intera esperienza. In questo modo i passeggeri hanno la possibilità di sgranchirsi le gambe e di godere di paesaggi straordinari, scorci che ogni appassionato di fotografia sogna di scovare.

trenino sila

Le persone hanno la possibilità di fare quattro passi nei piccoli paesini del percorso, come Camigliatello che rappresenta una tappa fondamentale per ogni amante della Sila.

Negozietti di prodotti locali sono sempre pronti per accogliere i viaggiatori, con tutta l’ampia gamma di cibarie succulente e souvenir di splendida fattura.

La magia di un racconto per immagini

Con l’idea di rimettere in funzione questo treno a vapore del secolo scorso, la Calabria dimostra non solo di avere un pieno rispetto per il proprio territorio, ma dà prova anche di essere al passo coi tempi nell’ambito della comunicazione.

L’esperienza del treno della Sila può essere inteso come una sorta di Storytelling del territorio, il racconto di una natura incontaminata in grado di conquistare il cuore di coloro che, vivendo in città, non godono più delle bellezze che il territorio calabrese può fornire.

sila camigliatello treno

Un racconto per immagini che si snoda attraverso le montagne e che ci riporta, come già detto, indietro di 100 anni. Tra chi mette il carbone nel fuoco e bambini che esprimono tutta la loro gioia, il piccolo trenino conclude il percorso.

Una volta terminata l’esperienza, si percepisce di non aver fatto solo un banale giro in treno. Quello che ogni passeggero ha potuto sperimentare è una sorta di ritorno all’innocenza dell’infanzia, un candore che si rispecchia alla perfezione nel bianco immacolato delle neve che addobba l’intero territorio.

 

Tag:, , ,

Post correlati

by
Post Precedente Post Successivo

Commenti

  1. Pingback: Salumificio Falcone, prodotti bio per esaltare le bellezze della Sila – Altragamma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!